La Vasocottura: aspetti nutrizionali e culinari

Cos’è la vasocottura?

La vasocottura nasce come metodo antico di conservazione, tuttavia, recentemente è stata riscoperta come tecnica di cottura facile, veloce, salutare e pratica. Oltre ad essere molto in voga tra i più grandi chef del mondo, è un’ottima opzione anche per chi pur non avendo molto tempo per cucinare, vuole comunque seguire un’alimentazione sana, equilibrata e gustosa. 

Come cucinare in vasocottura?

Cucinare in vasocottura è semplicissimo. È sufficiente inserire all’interno del vasetto tutti gli ingredienti crudi e tagliati approssimativamente tutti della stessa grandezza, condirli con poco sale, olio e spezie, chiudere il vasetto con le apposite clip e la guarnizione, e successivamente cuocere il tutto per pochi minuti in microonde. C’è anche la possibilità di cuocere gli alimenti nella lavastoviglie… Basta chiudere il vasetto in un sacchetto di plastica e inserire il tutto nella lavastoviglie insieme ai piatti sporchi…. il calore che si sprigionerà durante il lavaggio, permetterà di cuocere gli alimenti contenuti nel vasetto in modo semplice e sostenibile !!!

Per la cottura in microonde, invece, sono sufficienti pochissimi minuti di cottura (5/6 minuti per tutti gli alimenti e 10/12 minuti per i primi piatti). Una volta cotti gli ingredienti, è sufficiente far riposare il tutto fuori dal microonde per 5-10 minuti, in modo tale da far proseguire la cottura e da amalgamare meglio i sapori. Dopo aver fatto riposare l’alimento, è possibile consumarlo subito, tirando la linguetta della guarnizione e aprendo il vasetto; oppure è possibile porre il vasetto, ormai freddo, in frigorifero  senza tirare la linguetta e senza aprirlo, in modo tale da mantenere il sottovuoto e conservare meglio l’alimento. Utilizzando questa tecnica, è possibile consumare la pietanza anche 2-3 giorni dopo la cottura, scaldando semplicemente il vasetto ancora chiuso in microonde per 1 minuto. Questo ti permetterà di organizzarti e di seguire un’alimentazione sana anche quando sei di fretta !!! 

Inoltre, questa tecnica ti permetterà di concentrare e mantenere molte sostanze nutritive (vitamine e sali minerali) e organolettiche (aromi, profumi e colori) che con le normali tecniche di cottura si perderebbero. Uno studio ha confrontato i valori di minerali tra dei legumi bolliti e dei legumi cucinati in vasocottura. I risultati sono stati straordinari: i legumi cotti in vasocottura contenevano moltissimi minerali in più, in particolare il 1000% in più rispetto ai legumi bolliti in acqua. Proprio per questo, la vasocottura è molto utile e benefica anche per chi pratica sport, perché permette di avere un cibo NATURALMENTE ricco in nutrienti, vitamine, minerali e gusto.

Nell’era delle pillole e degli integratori vitaminici, la vasocottura ci permette di avere un cibo NATURALMENTE ricco in nutrienti, vitamine e mineralei (gli stessi nutrienti che quotidianamente perdiamo e sprechiamo con le classiche tecniche di cottura…).

L’unico alimento che non può essere cucinato in vasocottura sono i funghi, perché tutti i funghi, anche quelli commestibili, contengono minime quantità di tossine, le quali non potendo evaporare dal vaso, rimangono “intrappolate” al suo interno durante la cottura, rendendo così la pietanza ricca di tossine potenzialmente dannose per l’organismo…

Adesso che conosci i vantaggi e i benefici della vasocottura, divertiti sperimentando piatti nuovi e sani.

Come dietista e nutrizionista allergico alle diete e stufo di vedere sempre più persone soffrire e impazzire per colpa delle solite diete, consiglio ai miei pazienti di sperimentare questa tecnica di cottura e di divertirsi a preparare cibi sani, gustosi e veloci.

A presto con altre curiosità

Dott. Francesco Arena ©

 

Lascia un commento

Chiudi il menu
×
×

Carrello